domenica 7 agosto 2016

Wandafuru raifu (After life) - Hirokazu Koreeda


dopo un po'capisci cosa sta succedendo, che lavoro fanno quegli strani impiegati.
interviste, fino a una domanda chiara, che deve avere una risposta, altrimenti non si chiude la pratica.
parlando di cose leggere, ricordi semplici, si arriva poi a chiedersi (noi spettatori) cosa è la vita, e cosa ne resta.
è un film di Hirokazu Koreeda, e quindi è un film da non perdere, sicuro - Ismaele


QUI il film completo, con sottotitoli in spagnolo





...Kore-eda filmed hundreds of interviews with ordinary people in Japan. The faces on the screen are so alive, the characters seem to be recalling events they really lived through, in world of simplicity and wonder.
Although there are a lot of characters in the movie, we have no trouble telling them apart because each is unique and irreplaceable.
The staff members offer a mystery of their own. Who are they, and why were they chosen to work here at the way-station, instead of moving onto the next stage like everybody else? The solution to that question is contained in revelations I will not discuss, because they emerge sonaturally from the film.
One of the most emotional moments in "After Life" is when a young staff member discovers a connection between himself and an elderly newarrival. The new arrival is able to tell him something that changes hisentire perception of his life. This revelation, of a young love long ago, has the kind of deep bittersweet resonance as the ending of "The Dead," the James Joyce short story (and John Huston film) about a man who feels a sudden burst of identification with his wife's first lover, a young man now long dead...

...Outre les émotions, Kore-eda propose une solide réfléxion sur ce que nous sommes, chacun de nous dans nos vies. L'important tient dans les événements dithyrambiques que nous avons vécus et nous nous devons d'en tenir compte. Vivez bien pour mieux mourir en somme.
Le traitement de leurs réminiscences sous forme de métrages est assez ingénieuse. On fait un ersatz filmé en forme de best-of qui comblera , de par sa véracité – encore une fois on retrouve l'attache documentaire - ceux qu'ils l'emporteront comme un cadeau d'adieu.

Plusieurs bonnes idées font de ce film une curiosité enjouée et poétique. On regrettera cette approche froide et neutre, scénaristiquement justifiable, mais qui ne peut convenir à tous. La recherche de ces destins, agglomérés en ce lieu de transition, est sympathique mais le cinéaste japonais, désireux de rendre cela réaliste, se perd dans une mise en forme trop rigide.

...con Wandafuru Raifu Kore-eda elabora una fantasia più complessa, in cui reale e irreale si alternano convivendo fino a rendere impossibile la percezione del loro confine, siamo immersi in scenari estremamente ancorati ad un presente ben definito (interni ed esterni, condizioni climatiche, dinamiche interpersonali fra personaggi) ma  siamo continuamente rigettati in un oltre-mondo che ci costringe ogni volta a tarare la nostra percezione con stupore misto a smarrimento.

Prigionieri delle nostre categorie mentali, fatichiamo a identificarci, non ci è permesso liquidare come favola, mito, sogno, evasione o incubo quello a cui assistiamo, ma allo stesso tempo non riusciamo neppure a classificarlo come metafora da cui estrarre i connotati di una realtà rassicurante.

Kore-eda è andato molto oltre, è un nuovo genere il suo, finora ineguagliato, è pensiero che si plasma in figura e parla da una dimensione altra, attraverso i mezzi della pura intuizione che è “…scoperta della vera natura delle cose e  fondamenta dell'anima (potremmo dire gli archetipi del sé), in contrapposizione con i metodi estremamente razionali degli psicoanalisti.”(Yong-Kyun Bae  per Milestone Film & Video Release)...
da qui

...Oggetto del film non è rappresentare l'aldilà ma, col curioso pretesto illustrato, indagare sulla vita trascorsa in terra e non in termini generici e quindi riduzionisti (questo è proprio fantastico secondo me) bensì "clinicamente" su ogni singola vita, ognuno un caso a sé. L'uomo che non riesce a decidersi è il caso più interessante tra gli utenti, dal punto di vista drammatico, una vita trascorsa come se programmata, totalmente prevedibile e priva di slanci, in apparente felicità, va in crisi proprio nella scelta del ricordo, è emblematico e si presta a facili considerazioni. Sarà anche protagonista di un finale commovente.

Dove però ho urlato alla genialità è stato quando il Cinema è entrato nel film. Il lavoro di costumisti, attori, operatori e tutti quelli che normalmente lavorano a produrre le scene da riprendere. La costruzione dei set per effettuare le riprese dei ricordi scelti è molto professionale, sceneggiatore e co-regista il titolare del ricordo. Non una novità in senso assoluto, certo, ma esplicitare così, con quella naturalezza, uno dei ruoli che il Cinema svolge, cristallizzatore di storie e Storia, di vite vissute, del sapere dell'uomo, è stato per me coinvolgente. In quel momento è stato come se mi fosse stata rivelata una delle ragioni per cui amo tanto vedere Film, forse la più importante: imparare. Il Cinema crea ricordi, più diretto ed immediato il messaggio non poteva essere.Film imperdibile...
da qui

Nessun commento:

Posta un commento