venerdì 24 gennaio 2014

Lenny – Bob Fosse

uno di quei film che ricordano i tempi di Giordano Bruno, appena una cinquantina d'anni fa, nello stato più ricco e più libero del mondo (ci dicono) si poteva essere perseguitati per pronunciare delle parole ed esprimere dei ragionamenti.

Bob Fosse ricorda in questo film Lenny Bruce, interpretato da un eccezionale Dustin Hoffman, e una bella e brava Valerie Perrine.
Dustin Hoffman "è" Lenny Bruce, ci si affeziona a Lenny, si ride e si soffre con lui e per lui.
uno di quei film nei quali è impossibile non partecipare e non prendere parte.
astenersi gli indifferenti - Ismaele






…Dustin Hoffman è magnifico, come lo è il doppiaggio in italiano di Gigi Proietti; Fosse cattura perfettamente la trasgressiva e teatrale buffoneria dell’uomo Lenny Bruce ancor prima che dell’attore, e trasforma la sua biografia in un musical sui generis senza neanche una nota di commento (ad eccezione dei titoli di testa e di coda), che si tiene lontano dai rischi dell’agiografia laddove mostra il disfacimento psico-fisico del protagonista con un’impietosa unica inquadratura a camera fissa che lo riprende in campo lungo: cosa c’è di più triste di un comico che non fa più ridere? Valerie Perrine fu una rivelazione premiata anche a Cannes.

Bob Fosse con Lenny ha tentato un'impresa non da poco. Parlare di un artista della satira, di un imputato per oscenità, di un uomo emblema del suo tempo. E lo ha fatto in modo esaltante, commuovente, violentissimo, supportato da un Dustin Hoffman nemesi perfetta del folle genio newyorkese.
Il film sul comico Lenny Bruce è uscito nel 1974 a soli 8 anni dalla scomparsa dell'uomo, morto di overdose a soli 41 anni. La sua morte, come si vede nel film, è stata emblema della sua vita, sempre in bilico tra arte, ragione e provocazione. Lenny fu trovato esanime sul pavimento, nudo, per mezz'ora lasciato in balia di sciacalli pronti a vessare la sua figura, troppo trasbordante per la loro piccolezza d'animo….

…Più volte nel film torna il termine hippie per definire lo spirito di Lenny. Siamo nel ’74, definirlo hippie strizza l’occhio alle masse, ma non è sbagliato chiamarlo così, lui, così anticipatore sui tempi. Le parole da lui pronunciate e censurate all’epoca, oggi sono di comune utilizzo: chi non ha saputo interpretare il proprio tempo? Lo spirito rivoluzionario è totalmente hippie, per l’appunto. Ma è un figlio dei fiori ante litteram, brucia le tappe e lo sa e soffre perché chi gli sta attorno non è in grado di vedere così come lui vede.
Ciò che per noi oggi è vietato, non lo era per le società del passato e magari non lo sarà per quelle del futuro. Perché, dunque, ostinarsi nel voler controllare il prossimo secondo un soggettivo concetto di verità assoluta?
E’ lui stesso a portare la dimostrazione di come una frase oscena detta nella propria lingua, scandalizzi, mentre se pronunciata in latino, non produca alcun effetto di ribrezzo. Ha dunque più importanza il significante o il significato? L’icona o l’iconografia?
D’impatto è una delle prime dissertazioni che vengono proposte nel film, dove un Dustin Hoffman/Lenny alle prime armi sul palcoscenico dimostra la bontà del messaggio trasmesso da un film pornografico e al contempo evidenzia l’innegabile deprecabilità d’un film d’azione violento. Oppure quando si scaglia contro la chiesa e contro le divisioni razziali dei negri e egli ebrei nelle quali siamo tutti coinvolti, ma delle quali, a ben pensarci, manca il significato di base di diversità razziale…

Dustin Hoffman does a good job of giving us a Lenny Bruce we can believe. He doesn’t imitate the historical Bruce so much as create a new Lenny -- bitter, knife-edged and driven. But the Bruce material, almost every word of it taken from recordings of his own acts, has a strange and uncomic feel to it. There aren’t many big laughs in the movie. Unless we go in convinced that Lenny Bruce was an important performer, the movie doesn’t convince us…


Nessun commento:

Posta un commento