martedì 19 gennaio 2016

Enemy – Denis Villeneuve

la storia è tratta da un grandissimo romanzo di Josè Saramago (qui).
poi Denis Villeneuve, da par suo, ne tira fuori un'altra cosa, secondo me, ed è un'opera che cita grandi film della storia del cinema.
quella di Villeneuve è la storia di un'ossessione, carica di riferimenti e rimandi, i due sosia sono magari uno, tutto quello che vediamo non avviene davvero, chi è buono e chi cattivo non si sa, la parte buona e cattiva convivono in Adam/Anthony, che di sicuro non sono sereni con le donne.
è la seconda volta che lo vedo, a distanza di qualche mese, si apprezza meglio la seconda volta, e non escludo altre visioni.
forse la prima volta  mi ha frenato pensare a Saramago, in realtà Enemy è di Denis Villeneuve.
non è mai arrivato in sala, purtroppo - Ismaele

ps: per alcune spiegazioni, se lo sono davvero, e se servono (ma solo dopo aver visto il film), leggete qui.







Prima di tutto Villeneuve è riuscito a fare quello in cui in passato tanti avevano fallito: portare sul grande schermo la rivisitazione in chiave cinematografica di un romanzo di José Saramago. Ci aveva provato ad esempio Fernando Meirelles con Blindness ma i risultati erano stati ben poco soddisfacenti. Troppo lineare, schematico, ben definito, tutto l’opposto della creatività geniale del portoghese premio nobel per la letteratura. Saramago è etere, è intrigo, è intreccio apparentemente scollegato, è tutto e il contrario di tutto, difficile riproporlo. Sicuramente Villeneuve, pur rimandendo piuttosto fedele al romanzo in sè, ne dà una sua personalissima interpretazione, rivisitandolo in chiave moderna. Enemy è quindi una rilettura dell’originale che prende vita e riesce, proprio nel momento in cui, intelligentemente, se ne distacca…

… Inutile dire che non è stato distribuito. Ritengo sia uno dei migliori film di Villeneuve (e uno dei miglior thriller psicologici degli ultimi anni), sicuramente il più personale (e quindi anche più vero)…e sicuramente più di Prisoners che viceversa lascia molto a desiderare, poiché tralascia molti spunti interessanti da approfondire a favore di un scialbo tentativo di catturare lo sguardo dello spettatore medio (che tra l’altro è rimasto colpito a quanto mi sembra di ricordare) un mero prodotto hollywoodiano di seconda se non terza categoria. Certe cose mi fanno proprio innervosire.
Invisibile a malincuore.

Real quick plot summary here.  History prof Adam (Jake Gyllenhaal) discovers that he has a doppelganger, a bit part actor named Anthony (also Gyllenhaal, duh).  He tracks him down and their lives become intertwined, with Adam’s girlfriend Mary (Sarah Gadon) and Anthony’s pregnant wife Helen (Melanie Laurent) getting caught in the middle.  Also, spiders.
Chances are if you’ve heard about this film, you’ve heard about the final shot.  And yeah, it is a doozy of a shot.  It’s one of the best final shots I’ve seen in a long time.  It really blew me away.  And it made me wish I had enjoyed all the stuff leading up to it more.  I would like to think this is a movie that works at establishing a Lynchian (is the casting of Isabella Rossellini as the mother an homage?) atmosphere rather than a cryptic puzzle waiting to be solved.  Then I wouldn’t have to feel so frustrated by it.  But director Denis Villeneuve has apparently made clear in interviews that there is an explanation for everything, and the film opens with a line from the novel — “Chaos is order yet undeciphered” — that also suggests the story can be pieced together…

…L’intenzione era quella di catapultare lo spettatore in un’esperienza onirica la cui interpretazione maturasse dentro lo spettatore, attraverso sensazioni e simboli, invece che tramite una chiara verbalizzazione maieutica.
Il dato è da sottolineare perché il pregio (o, per alcuni, la fonte di massima irritazione) del film è quello di usare un linguaggio che non narra un’esperienza attraverso gli occhi del protagonista, ma la fa vivere narrandola come se fosse rielaborata dall’inconscio del protagonista.
Per cui è del tutto plausibile l’implausibile e reale e simbolico si fondono progressivamente fino ad arrivare all’apice immaginifico di un enorme ragno che si muove minaccioso tra i palazzi di Toronto.
Il caos è un ordine da decifrare è l’incipit tratto dal libro di Saramago nonché il manifesto del film...

…"Enemy" es una obra siniestra y misteriosa, en la que la paranoia extrema de la trama se ve acompañada por un estilo visual contundente, hasta el punto de que, pese a la falta de escenas sangrientas, el conjunto posee un sabor violento y cercano al de una historia de terror. Y éstas son intenciones que se hacen evidentes desde el inicio, porque desde su presentación misma, Adam demuestra que es un tipo miserable, marcado por circunstancias que no logramos imaginar, pese a que tiene una existencia aparentemente tranquila y satisfactoria.
Su obvia incomodidad ante la vida se ve acentuada por un insólito descubrimiento que se produce cuando un compañero de trabajo lo motiva a ver en DVD una cinta local independiente, en una de cuyas escenas descubre a un actor secundario -en realidad, un extra- que luce exactamente como él. Desde entonces, la necesidad de encontrar a este tipo (que sí, es Anthony) se vuelve completamente obsesiva, lo que lleva a Adam a tomar ciertas decisiones imprudentes…
Jake Gyllenhaal si sdoppia, doppio ruolo e doppio talento, rimbalza senza esitazione da un personaggio all’altro, confondendosi e confondendoci, trascinando se stesso e lo spettatore nel caos; si sdoppia anche nel suo rapporto col regista, girando prima Enemy e poi Prisoners, che però lo precede al cinema. I due film si sovrappongono però solo cronologicamente, sono entità diversissime, anche se entrambe di livello ottimo: Denis Villeneuve è entrato ufficialmente nel club dei grandi, dei cineasti con una idea di cinema, e con coraggio da vendere…

…Soprattutto per Adam il cambiamento sarebbe rivoluzionario (e lo vivrà commosso come l’inizio di un nuovo amore), per Anthony costituirebbe una via di fuga e l’occasione di possedere un’altra donna sotto la formalità di esserne il partner.
Quella che vediamo sullo schermo sembra la messa in scena di un disturbo narcistico della personalità da manuale, doppelganger, riconfigurazione dell’identità e reinvenzione di sé compresi.
Adam e Anthony cedono a pulsioni ormai cieche e solo attraverso un evento tragico potrà essere ristabilito un ordine.
Adam a lezione cita Marx (La storia si ripete due volte, la prima volta come tragedia, la seconda come farsa) e l’inquietante ironia del film risiede proprio in quella frase: saltati dalla loro ragnatela, Adam e Anthony non hanno fatto altro che ritrovarsi intrappolati in quella dell’altro.
E quell’oscuro ragno psichico comparirà di nuovo in un finale surreale e spiazzante.

2 commenti:

  1. Oltre al tuo commento ho letto poi quel link a cui rimandi alla fine e mi sono accorto che, forse come mai nella mia vita fino a questo punto, non avevo capito niente del film.
    Tutto quello che dicono è assolutamente plausibile, anzi, ci sta.
    Ma avendo letto il libro questa lettura del singolom uomo o del sogno era quasi impossibile da avere

    RispondiElimina
  2. benvenuto nel club di Socrate, sapere di non sapere è il primo passo verso la conoscenza, e come dice Borges "il dubbio è uno dei nomi dell'intelligenza" :)

    RispondiElimina